arte

Chiusa per un anno la Chiesa di San Sebastiano, al via i lavori di restauro

La speranza di molti è di vedere completati i lavori ad agosto, in tempo per la festa dedicata a San Sebastiano. La basilica che si erge su piazza del Popolo, inserita nella lista dei monumenti patrimonio dell’Umanità dall’Unesco nel 2002, è considerata una delle chiese più caratteristiche di Palazzolo. Nei giorni scorsi è stato avviato il cantiere per i lavori di consolidamento e messa in sicurezza dell’edificio, il cui obiettivo è ridare splendore al monumento. Infatti i lavori, per un finanziamento di 950 mila euro, risorse della legge 433 del 1991, riguardano innanzitutto la pulizia della facciata corrosa dal tempo, ma anche degli stucchi interni, la sistemazione dell’immobile a livello statico e l’installazione di illuminazione artistica.  

La basilica di San Sebastiano ha una storia molto antica: la prima chiesa dedicata al santo fu costruita, probabilmente, sul finire del quindicesimo secolo sullo stesso sito dove già esisteva la chiesa di San Rocco. Fu poi distrutta dal terremoto del 1693 e sul finire dello stesso secolo si diede inizio alla costruzione di una terza chiesa: all’architetto siracusano Mario Diamante si deve la monumentale facciata. I lavori furono terminati intorno al 1782. Il primo ordine è caratterizzato da un portale con ai lati quattro colonne binate di tipo corinzio, con alla base due leoni di pietra bianca. Il secondo ordine presenta al centro, altre 4 colonne binate, con frontone della stessa tipologia del primo ordine; il terzo ordine, che riporta lo stesso frontone con colonne binate, comprende la loggia campanaria, sovrastata nella parte sommitale da due campane; infine “u palieddu” segnavento a forma di bandiera. La scalinata fu costruita nel 1877. L’interno, a pianta longitudinale, è a tre navate e le due cappelle chiudono quelle laterali.

Per consentire l’avvio dei lavori i quadri, le statue e i fercoli di San Sebastiano sono stati portati in altri locali, mentre le attività della parrocchia sono state trasferite nella chiesa di San Francesco in piazza Biblioteca, molto piccola ma comunque accoglienze per garantire continuità alla comunità parrocchiale.

 

Federica Puglisi

Autore: Federica Puglisi

Giornalista professionista dal 2009, una laurea in lettere moderne e un master nel cassetto. Questa sono io: una passione profonda per la scrittura come per l’arte in tutte le sue sfaccettature. Collaboro da anni con varie testate giornalistiche locali e nazionali e amo raccontare dei luoghi e della gente. Mi occupo di comunicazione per enti pubblici e privati, ma sono poco incline alla “mania” dei social. Se potessi tornerei alla penna e alla carta, come si faceva un tempo.

Chiusa per un anno la Chiesa di San Sebastiano, al via i lavori di restauro ultima modifica: 2017-11-10T17:32:07+00:00 da Federica Puglisi

Commenti

commenti

To Top