curiositá

Gastronomia, premiati due chef di Palazzolo a Torino

Andrea Alì e Gianni Savasta

Due riconoscimenti a due chef di Palazzolo al Salone del gusto di Torino. I ristoratori hanno portato un’eccellenza della gastronomia locale, la salsiccia presidio Slow Food. Le chiocciole di Osterie d’Italia (il massimo riconoscimento della guida di Slow Food Editore) sono stati assegnati ad Andrea Sapori Montani e Trattoria del Gallo. A ricevere i riconoscimenti sono stati Andre Alì, chef e patron di Andrea e Gianni Savasta, chef e titolare (insieme ad Eros Rizza) della Trattoria del Gallo, che hanno preso parte alla cerimonia di consegna delle chiocciole. Il riconoscimento è stato assegnato nella giornata di chiusura di Terra Madre Salone del Gusto di Torino 2018, il più grande evento mondiale legato al cibo di qualità.

Stand

Cos’è Osterie d’Italia

Osterie d’Italia è la più diffusa guida enogastronomica italiana, una guida dove sono protagoniste le vere osterie di un tempo e moderne. Luoghi dove non solo si mangia bene ma si sta bene, dove sono proposti piatti che guardano a tradizioni antiche a un prezzo accessibile a tutti. Luoghi fatti innanzitutto di persone e di storie. Ed è l’esempio di Palazzolo dove allevatori, macellerie, trasformatori e ristoratori si sono messi insieme per valorizzare un prodotto storico, la Salsiccia tradizionale di suino nero siciliano.

La salsiccia protagonista a Torino

Alla dodicesima edizione di Terra Madre Salone del Gusto 2018, la Salsiccia di Palazzolo Acreide, Presidio Slow Food dal 2016, è stata protagonista di un evento nelle cucine internazionali di Terra Madre e di una degustazione in un laboratorio del gusto organizzato dalla Condotta di Siracusa nello stand della Regione Siciliana.

Osterie Sicilia

La soddisfazione del presidente dell’associazione

“Ancora una volta la Salsiccia di Palazzolo Acreide ha fatto parlare di se – afferma Andrea Alì, presidente dell’associazione Salsiccia Tradizionale di Palazzolo Acreide – affermandosi essenzialmente per la bontà delle materie prime con cui è preparata, per il suo gusto inimitabile e per la storia che racconta. Una storia antica, millenaria, legata indissolubilmente alle pratiche agro-pastorali della nostra comunità, alla cucina popolare dei nostri avi e al nuovo straordinario capitolo che ci vede impegnati tutti insieme nella valorizzazione di questo prodotto buono, pulito e giusto nel rispetto assoluto della filosofia di Slow Food”.

Tanti i visitatori presenti

I visitatori del salone si sono fermati nello stand (presidiato dall’allevatore Calogero Maltese, dallo stesso presidente Alì e da Loredana Maltese) a degustare e comprare sia la salsiccia che il lardo di suino nero siciliano, un prodotto quest’ultimo dalle grandi potenzialità molto apprezzato dal pubblico.

Stand Particolare3

Il riconoscimento alla salsiccia

La salsiccia di Palazzolo ha ottenuto il riconoscimento di presidio Slow Food nel 2016. Il sistema di retesi è creato attorno all’Associazione salsiccia tradizionale di Palazzolo Acreide, che ha visto l’adesione di numerosi allevatori, trasformatori, macellai e ristoratori, che hanno creduto nel progetto. La salsiccia è realizzata con l’antica ricetta che si tramanda da anni, è quella ricavata dal suino nero siciliano, realizzata con ricetta e ingredienti indicati da uno specifico disciplinare da rispettare; quindi quando la si acquista occorre chiedere proprio quella che riporta il contrassegno. E i risultati ottenuti in questi ultimi anni fanno comprendere quanto sia importante anche la difesa di questa produzione di qualità, per ciò che crea a livello economico, ma anche per tutelare un’antica tradizione che è tutta di Palazzolo.

Federica Puglisi

Autore: Federica Puglisi

Giornalista professionista dal 2009, una laurea in lettere moderne e un master nel cassetto. Questa sono io: una passione profonda per la scrittura come per l’arte in tutte le sue sfaccettature. Collaboro da anni con varie testate giornalistiche locali e nazionali e amo raccontare dei luoghi e della gente. Mi occupo di comunicazione per enti pubblici e privati, ma sono poco incline alla “mania” dei social. Se potessi tornerei alla penna e alla carta, come si faceva un tempo.

Gastronomia, premiati due chef di Palazzolo a Torino ultima modifica: 2018-09-26T14:22:19+02:00 da Federica Puglisi

Commenti

To Top