I PALAZZOLESI RACCONTANO PALAZZOLO ACREIDE

itPalazzoloAcreide

noi palazzolesi

Indifferenziata, le novità di una rivoluzione per il paese

Regole a Palazzolo per l'indifferenziata

Si preannuncia una piccola rivoluzione nello smaltimento della raccolta differenziata a Palazzolo. Operativa da tempo con la divisione tra umido, indifferenziata, carta, plastica, vetro, adesso qualche novità. Per migliorare il servizio e soprattutto portare la popolazione a differenziare meglio. Soprattutto i rifiuti classificati come indifferenziati spesso fonte di confusione. Le novità sono state pensate dall’assessore comunale all’Ecologia Vincenzo Nieli. Una piccola rivoluzione finalizzata a migliorare lo smaltimento. A farlo rispettando delle regole basilari.

Ambiente2
Gli obiettivi dell’Agenda Europea per lo sviluppo sostenibile

Indifferenziata, cosa cambia

Sarà operativa dalla prossima settimana una nuova modalità per lo smaltimento dell’indifferenziata. Infatti da giovedì 21 gennaio non sarà più possibile conferire di tutto nei rifiuti indifferenziati, ma solo quello che realmente non è possibile differenziare. Gli utenti, come fa sapere l’assessore, infatti, saranno obbligati a depositare davanti casa i rifiuti in sacchetti trasparenti. Il personale comunale che li raccoglie, insieme con la Polizia municipale, esaminerà il contenuto.

Tutti i sacchetti neri e non trasparenti quelli che contengono rifiuti che potevano essere meglio differenziati non verranno ritirati e sarà posto un bollino con la scritta “conferimento errato”. L’utente sarà obbligato a riportare a casa il sacchetto e differenziare meglio. Un cambio significativo che non sarà applicato contemporaneamente in tutto il paese, ma ogni giovedì a turno un quartiere alla volta.

Nieli e indifferenziata
L’assessore comunale all’Ecologia Vincenzo Nieli

Il nuovo servizio sperimentato nel quartiere San Paolo

Questo – spiega l’assessore Vincenzo Nieli – per dare il tempo alla gente di abituarsi e di limitare i disagi. Giovedì iniziamo con il quartiere San Paolo. Ci sono dei rifiuti come per esempio un piatto di plastica che se liberato dagli avanzi di cibo con un semplice tovagliolo può essere differenziato. Gettarlo fra i rifiuti indifferenziati vuol dire far aumentare per tutti il costo del servizio”.

Sono sicuro – conclude l’assessore Nieli – che dopo i dubbi inziali la città risponderà al meglio”. Ed ecco le vie di Palazzolo che giovedì 21 gennaio saranno interessate dal nuovo servizio. Coinvolte Via Annuziata; Via Vincenzo Messina; via Giuseppe Fava. E ancora Largo senatore Italia e Via Ebraida; via Tagliamento e Via Ticino; Via Alerano. Poi Via Galileo; su Via canoa; Via Isonzo e Via Salomone; Via Adige; Ronco Scalzo; Ronco San Blandano; Via Castelvecchio.

Una rivoluzione che serve soprattutto a diffondere la cultura del rispetto dell’ambiente. Palazzolo negli anni ha compiuto grandi passi in avanti nella raccolta differenziata. Da tempo è attiva la raccolta dei rifiuti con il metodo del “porta a porta”. Ma lo smaltimento dei rifiuti avviene nelle ore serali, proprio per consentire di lasciare un paese più pulito durante il giorno. Una buona prassi questa introdotta dall’assessore Nieli che potrebbe portare a migliorare i dati sulla raccolta.

Indifferenziata, le novità di una rivoluzione per il paese ultima modifica: 2021-01-13T09:00:00+01:00 da Federica Puglisi

Commenti

2 Commenti

2 Comments

Devi essere loggato per pubblicare un commento Login

Lascia un commento

To Top