I PALAZZOLESI RACCONTANO PALAZZOLO ACREIDE

itPalazzoloAcreide

emigrazione interviste

Marija Elektra a Sydney fra la fase 1 e 2 del Covid19

Marija Elektra Porto Sydney

Marija Elektra abita a Sydney. Originaria di Siracusa viene spesso a Palazzolo Acreide dove ha i cugini. A Sydney il blocco totale è iniziato il 23  marzo. Il lockdown è stato simile a quello italiano. Ma in Australia gli ospedali hanno risposto benissimo nell’aiutare i malati, poiché sono stati pochi rispetto ad altri Paesi. Marija  Elektra, da me intervistata, ha raccontato la sua storia.

Marija Elektra tu abiti a Sydney in Australia, ma sei originaria siciliana. Di dove precisamente?

Mio padre nacque tra Palazzolo e Siracusa e la sua famiglia si trasferì in Australia a causa delle basse condizioni economiche in Sicilia tra le guerre mondiali. Prima venne suo padre, a tagliare la canna da zucchero nell’estremo nord del Queensland, e poi mia nonna e mio padre si unirono a lui. Gran parte della famiglia di mio padre rimase in Sicilia. Abbiamo viaggiato in Sicilia ogni anno per vedere la mia famiglia da bambina e ho ricordi affettuosi delle feste religiose a Palazzolo. In Australia, non c’era niente di così spettacolare, e da bambina vedere le grandi folle e l’adorazione era magnifico. Sono nata nel Queensland, nel nord dell’Australia, e mia madre è croata. Mi sono trasferita a Sydney quando avevo 22 anni e ci vivo da 15 anni.

Marija Elektra e con Palazzolo Acreide che rapporti hai?

La mia famiglia ha un grande amore per Palazzolo Acreide. Abbiamo alcuni terreni agricoli a sud della città principale e visitiamo Palazzolo ogni anno durante l’estate. Abbiamo una festa di famiglia con tutti i nostri cugini, e poi un pò di granita di Caprice Pasticceria. Adoro visitare il sito archeologico per vedere il teatro, quando sono in scena le opere teatrali o semplicemente per inalare l’odore delle erbe iblee.

Marija Elektra: visita il Teatro greco quando è a Palazzolo
Marija Elektra visita il teatro greco quando è a Palazzolo

Marija Elektra oggi il coronavirus ha causato una lockdown in tutto il mondo. A Sydney cosa è successo?

Siamo in un periodo di quarantena in tutta l’Australia dall’inizio di marzo. Il 23 marzo abbiamo avuto un blocco formale di tutte le attività non essenziali e l’economia è passata a un periodo di lavoro da casa. Le scuole sono rimaste aperte per gli studenti di quelle persone che lavorano nei servizi essenziali. Sono in atto protocolli di distanza sociale, quindi puoi andare fuori per cose essenziali, come cibo e medicine, ed esercitare, ma puoi stare solo con un’altra persona e devi rimanere a una distanza di 1,5 metri da tutte le altre persone in ogni momento.

A Sydney gli ospedali sono riusciti ad aiutare i contagiati?

Sì, il sistema ospedaliero ha funzionato in modo eccellente. Ciò è dovuto al piccolo numero di casi di COVID-19 in Australia rispetto ad altri paesi. Il confine internazionale e i confini statali si avvicinarono rapidamente per mitigare la diffusione del virus. Le misure di blocco sono state messe in atto rapidamente e l’Australia è stata molto fortunata a mantenere il numero totale di casi al di sotto dei settemila. Finora ci sono stati 88 morti, circa l’1,3%.

Quali disagi tu e la tua famiglia avete subito?

Il principale inconveniente è stato il nostro lavoro. Mio padre ha 82 anni, mia madre 73 ed entrambi vanno a lavorare tutti i giorni nella nostra salumeria. Per loro, il lavoro è un piacere e non sono abituati a stare a casa. Questo è un piccolo inconveniente, considerando le tragedie globali. Siamo molto fortunati in Australia.

In Italia si avvia la fase 2(apertura di alcuni negozi). E lì a Sydney cosa si farà?

A Sydney il numero giornaliero di nuove infezioni è stato basso, circa 10-20 nuovi casi al giorno nell’ultima settimana. Venerdì prossimo, alcuni negozi aggiuntivi potranno aprire, ma solo se ritengono essenziali i loro servizi. Ad alcune spiagge è stato permesso di riaprire, ma l’eccessivo affollamento ha significato che dovevano essere chiuse immediatamente. Il rilassamento delle restrizioni sarà molto lento per evitare una seconda ondata di infezione. I confini statali e internazionali rimarranno chiusi.

Marija Elektra: Festa di San Paolo Benedizione del pane
Festa di San Paolo, Benedizione del pane e degli animali

Durante l’estate pensi di poter venire a Palazzolo, nei luoghi della tua infanzia? Parlamene un pò.

Assolutamente, se le restrizioni di viaggio vengono revocate. Appena potrò di nuovo viaggiare, sarò in Sicilia e soprattutto a Palazzolo. Non penso che l’Australia aprirà i confini internazionali così rapidamente, quindi potrei dover aspettare l’estate successiva. Ma sto guardando i miei video di Palazzolo degli ultimi anni e ricordo i bei momenti che ho trascorso in città.

Marija Elektra a Sydney fra la fase 1 e 2 del Covid19 ultima modifica: 2020-05-11T09:00:00+02:00 da Luisa Itria Santoro
To Top