curiositá

Palazzolo e il cinema, a vent’anni proiettato “Oltremare”

La presentazione del film a Palazzolo

Palazzolo location di film per anni. La proiezione di “Oltremare” è un viaggio nel tempo. Negli anni Ottanta sono stati molti i registi che hanno scelto il comune ibleo per girare film. Un lavoro avviato in collaborazione con Pippo Bennardo, punto di riferimento sul territorio per tanti registi. E così che un set ideale per molti film è diventato Palazzolo. “Oltremare” film di Nello Correale è stato girato a Palazzolo Acreide e a Marzamemi.

Oltremare non L'America immagine del film

La proiezione a Palazzolo

Vent’anni dopo la sua realizzazione, al Municipio di Palazzolo, nella sala dell’Aquila Verde è stato proiettato il film “Oltremare, non è l’America” di Nello Correale, sceneggiatore e regista, ideatore e l’anima del festival del Cinema di Frontiera” di Marzamemi. Il film è stato proiettato il 13 ottobre alla presenza di Correale, dei sindaci di Palazzolo Acreide e Pachino e dei presidenti dei Rotary Club di Palazzolo e Pachino Edi Lantieri e Lucia Amato.

Un’iniziativa del Rotary

Correale ha accettato l’invito del Rotary Club Palazzolo e Pachino per riproporre il film, che ha restaurato, con una proiezione a Palazzolo a scopo di beneficienza. Presente all’evento anche il Location Manager Pippo Bennardo con il direttore della fotografia Gino Sgreva, i responsabili della Rotary Fundation  Angelo Giudice e Walter Guarrasi. A moderare l’incontro il giornalista Carmelo Miduri.

La presentazione di Oltremare a Palazzolo

Bennardo e il ricordo di quegli anni

“La vocazione turistica di Palazzolo Acreide si radica nella bellezza del sito, nelle sue particolari condizioni climatiche, nell’essere, per antica tradizione, un crocevia di civiltà e culture locali e mediterranee – spiega Bennardo -. Tali caratteristiche hanno fatto del paese un luogo prediletto dell’immaginario cinematografico, set ideale, “habitat” dove la letteratura diventa immagine”.

Il pensiero di Zeffirelli su Palazzolo

Come ricorda Bennardo nel 1980, durante i sopralluoghi per la Cavalleria Rusticana, Franco Zeffirelli sosteneva che la Sicilia poteva e doveva diventare la California d’Italia. Di Palazzolo il regista parlava come di uno studio cinematografico a cielo aperto, proprio per la sua particolare stratificazione culturale, che apriva la possibilità di ambientare in contemporaneità più soggetti cinematografici. “Già allora – aggiunge Bennardo – il paese si candidava a svolgere un ruolo qualificante, da punto di riferimento nel settore cinematografico e audiovisivo”. La lungimiranza di Zeffirelli non è stata smentita, ricorda Bennardo. Palazzolo Acreide ha dato e ha saputo dare ospitalità a quanti hanno voluto immortalare i propri lavori e le proprie regie nel territorio acrense.

I registi arrivati sul territorio

Bennardo si è occupato da sempre di cinema, diventando nel tempo riferimento per le produzioni cinematografiche. “Sono così arrivati nel sud-est e nel nostro territorio – racconta – noti registi come L.Zampa, F.Zeffirelli, G.Battiato, V.Nevano, R.Faenza, A. Albanese, G. Salvatores, K. M. Brandauer. Tutto ciò, ha aperto prospettive di rilancio economico e occupazionale, attraverso la promozione del territorio stesso da parte delle produzioni cinematografiche: un esempio su tutti, la ‘scoperta’ di Marzamemi con e dopo la realizzazione di “Sud” di G. Salvatores, che ha anticipato la proiezione turistica del borgo oggi noto a tutti”.

La presentazione del film Oltremare a Palaz

La storia di Oltremare

Siamo alla fine dell’Ottocento in un piccolo paese del cuore della Sicilia. E’ l’epoca dei Fasci siciliani, la prima rivolta popolare e socialista in Italia. La speranza dei contadini di poter diventare proprietari delle terre che coltivano viene soffocata nel sangue. Una notizia corre improvvisamente di bocca in bocca: due uomini venuti dal continente stanno organizzando un viaggio clandestino per raggiungere l’America. E’ un’occasione unica per raggiungere senza bisogno di documenti quella terra lontana tanto sognata. Ma il viaggio non sarà quello sperato.

Federica Puglisi

Autore: Federica Puglisi

Giornalista professionista dal 2009, una laurea in lettere moderne e un master nel cassetto. Questa sono io: una passione profonda per la scrittura come per l’arte in tutte le sue sfaccettature. Collaboro da anni con varie testate giornalistiche locali e nazionali e amo raccontare dei luoghi e della gente. Mi occupo di comunicazione per enti pubblici e privati, ma sono poco incline alla “mania” dei social. Se potessi tornerei alla penna e alla carta, come si faceva un tempo.

Palazzolo e il cinema, a vent’anni proiettato “Oltremare” ultima modifica: 2018-11-02T09:06:38+02:00 da Federica Puglisi

Commenti

To Top