curiositá

Soccorso, un sogno che diventa realtà

Cropped Soccorso Zona.jpg

Credere ancora che nel proprio paese si possa investire e soprattutto con successo. Loro ci hanno creduto davvero, perché spesso i sogni non devono restare un’utopia. Di chi stiamo parlando? Di tre giovani ragazzi di Palazzolo e di una ragazza che hanno messo insieme la loro passione per il centro storico di Palazzolo e la voglia di investire per il suo rilancio. Sono i tre proprietari del “Soccorso”, un’attività che è stata aperta a ridosso dell’estate proprio in via Soccorso a Palazzolo. E’ una via molto stretta tra le meraviglie del quartiere Orologio di Palazzolo. Si trova di fronte la chiesa del Soccorso e in poco tempo è diventato un punto di riferimento per i giovani che vogliono gustare la genuinità dei prodotti e della buona musica. Non vogliamo fare pubblicità, non ne hanno bisogno, ma raccontare come il loro sogno sia diventato realtà.

Il locale del Soccorso realizzato in un vecchio spazio
L’interno del locale Soccorso

I protagonisti del “Soccorso”

L’idea è nata qualche anno fa a Marco Allegrezza, Marco Masuzzo, due architetti giovanissimi di Palazzolo, e a Salvo Corsino, professore dell’Alberghiero. A loro si è aggiunta Elena Fontana, un’altra giovane architetto. Elena Fontana è di Catania ed essendo la fidanzata di Masuzzo ha conosciuto Palazzolo e si è innamorata del paese. “Dall’unione della nostra amicizia – raccontano – e partendo da questo quartiere che tanto amiamo, abbiamo deciso di avviare questa attività”. I tre ragazzi sono in pratica cresciuti insieme proprio in questa zona di Palazzolo. Conoscono i suoi vicoli, le sue stradine, strette, le tante case abbandonate, quelle nel tempo riqualificate.

Un luogo da amare a Palazzolo

Hanno così messo insieme le loro capacità creative ristrutturando il locale, mantenendo soprattutto quell’idea di antico che si può vedere in tante case della zona, ma con un tocco di modernità. A questi si aggiunge la preparazione di Salvo Corsino, nella preparazione dei cocktail e il successo è assicurato. “Con l’aiuto di tanti amici – aggiungono – abbiamo sistemato questo posto. Non abbiamo improvvisato ma studiato bene un progetto per mantenere il prospetto com’era”.

Il perché del nome “Soccorso”

E c’è anche un preciso significato nella scelta del nome. Soccorso è sia il quartiere, il nome della via, che il tema del loro logo. L’idea è proprio quella di “essere un soccorso” per i tanti giovani e non, e per i turisti che raggiungono la zona per offrire idee ed eventi che piacciano a tutti. E poi l’idea della valigia del soccorso, che sia un contenitore di eventi culturali di livello. Il progetto è stato pensato come avvenuto a Favara. “Se ci sono riusciti lì – dicono i ragazzi – perché non riuscirsi a Palazzolo. Questo posto ha tante potenzialità”.

La Valigia del Soccorso simbolo dell'attività avviata dai giovani
Il logo realizzato per rappresentare l’attività del Soccorso

Il luogo da scoprire ma anche i prodotti di qualità

Recandosi così in questo posto si può ammirare la bellezza di un luogo di Palazzolo dove il tempo sembra essersi fermato. Ma anche gustare i prodotti di qualità: come i formaggi e tante prelibatezze della cucina palazzolese. E di recente c’è stato anche un evento con lo chef di Noto Marco Baglieri, che ha preparato una selezione di piatti davvero di qualità.

I ragazzi del Soccorso con lo chef Baglieri
La serata con lo chef Baglieri e i ragazzi del Soccorso

Il messaggio per chi crede che si può ancora investire a Palazzolo

Loro quindi hanno creduto in un sogno, ma le difficoltà non sono mancate. Hanno investito i loro risparmi per questo progetto. E con difficoltà lo stanno portando avanti. Anche se magari vorrebbero maggiore attenzione soprattutto dai palazzolesi che credono poco nella bellezza di questi luoghi. Hanno le idee chiare e sperano che il tempo gli possa dare ragione. “Scoprire il territorio – dicono – venire qui e amare questo luogo. Bisogna aprire la mente. Non esistono solo i soliti luoghi di Palazzolo dove andare. Ci sono questi posti meravigliosi che vanno valorizzati”. Con loro si concretizza così ciò che da tanto tempo si è detto per la riqualificazione del centro storico. Esistono tante case abbandonate, tanti dammusi che possono essere riqualificati. Tanti luoghi dove potrebbero nascere negozi e attività di ristorazione. Basta solo crederci e non andare via da Palazzolo. Questi ragazzi lo hanno fatto e finora con successo.

Federica Puglisi

Autore: Federica Puglisi

Giornalista professionista dal 2009, una laurea in lettere moderne e un master nel cassetto. Questa sono io: una passione profonda per la scrittura come per l’arte in tutte le sue sfaccettature. Collaboro da anni con varie testate giornalistiche locali e nazionali e amo raccontare dei luoghi e della gente. Mi occupo di comunicazione per enti pubblici e privati, ma sono poco incline alla “mania” dei social. Se potessi tornerei alla penna e alla carta, come si faceva un tempo.
Soccorso, un sogno che diventa realtà ultima modifica: 2019-08-12T09:00:19+02:00 da Federica Puglisi

Commenti

To Top