curiositá

Villa comunale: tra i fiori e le piante il ricordo degli immigrati

Il viale della villa comunale dedicato a Liistro e agli emigrati

Un giardino pubblico ricco di vegetazione, di varie specie di piante e fiori, luogo ideale per trascorrere le giornate ammirando la natura, ma anche rilassandosi tra i grandi alberi. La villa comunale di Palazzolo è stata costruita nel 1880. Direttore o dei lavori e della progettazione fu nominato il barone Vincenzo Messina di Bibbia, che aveva realizzato un’estesa ed attrezzata villa privata. Il sito presenta tre viali: quello centrale ampio e due laterali più stretti. 

Il monumento al barone Bibbia a palazzolo acreide

La villa comunale è stata anche attrezzata con giochi per i bambini, mentre c’è un viale laterale che è stato intitolato a Francesco Lombardo, meglio noto come don Ciccio Pastasciutta, un artigiano che aveva realizzato tanti giocattoli in cartapesta, che sono stati custoditi anche al museo Uccello.

In uno dei viali, a pochi passi dall’ingresso della villa, c’è anche un vialetto dedicato a Sam Liistro, un palazzolese che ha vissuto in Australia, e un monumento che simbolicamente ricorda la partenza di molte famiglie, che negli anni del dopoguerra lasciarono Palazzolo per cercare lavoro e fortuna. Molti ritornarono ma tanti altri sono rimasti all’estero.

Uno dei viali della villa comunale di Palazzolo

Di recente inoltre il giardino pubblico è stato anche utilizzato per celebrare i matrimoni: infatti in base ad un regolamento comunale si può chiedere autorizzazione per utilizzare alcuni spazi della villa per le nozze, una scelta che è piaciuta già  a molti, non solo a chi ama la natura ma anche a chi è da sempre legato ad un luogo che è ricco di fascino.

Federica Puglisi

Autore: Federica Puglisi

Giornalista professionista dal 2009, una laurea in lettere moderne e un master nel cassetto. Questa sono io: una passione profonda per la scrittura come per l’arte in tutte le sue sfaccettature. Collaboro da anni con varie testate giornalistiche locali e nazionali e amo raccontare dei luoghi e della gente. Mi occupo di comunicazione per enti pubblici e privati, ma sono poco incline alla “mania” dei social. Se potessi tornerei alla penna e alla carta, come si faceva un tempo.

Villa comunale: tra i fiori e le piante il ricordo degli immigrati ultima modifica: 2017-11-10T16:56:06+02:00 da Federica Puglisi
Summary
Article Name
Villa comunale: tra i fiori e le piante il ricordo degli immigrati
Description
Descrizione della villa comunale di Palazzolo Acreide uno splendido giardino pubblico ricco di vegetazione, di varie specie di piante e fiori, luogo ideale per trascorrere le giornate ammirando la natura, ma anche rilassandosi tra i grandi alberi
Author
Publisher Name
itPalazzolo Acreide
Publisher Logo

Commenti

To Top