curiositá

Workcamp, volontari da tutto il mondo per il festival

Workcamp Palazzolo

Uno scambio culturale, ma anche un modo per integrarsi e conoscersi. E quale esperienza migliore del Festival internazionale del teatro classico. Infatti con l’obiettivo di accogliere i giovani che recitano al Festival internazionale del teatro classico dei giovani e accompagnarli alle scoperta di Palazzolo è partito il workcamp. I protagonisti dell’iniziativa internazionale, promossa a Palazzolo dalla Consulta giovanile in collaborazione con l’amministrazione e l’assessorato al Turismo, guidato da Maurizio Aiello.

I giovani stranieri

I ragazzi che stanno partecipando al workcamp sono venti giovani provenienti da diversi paesi. Come Turchia, Belgio, Inghilterra, Azerbaigian, Germania, Paesi Bassi. Fino alla conclusione del Festival, il 2 giugno, si occuperanno di accogliere le scuole e seguirle alla scoperta di Palazzolo. E lo stanno facendo in collaborazione con l’associazione “Fare Palazzolo”.

Drama Studio al Festival - workcamp
Un momento dello spettacolo del Drama studio al Festival di Palazzolo

La base operativa del workcamp all’Ostello

E non a caso è sta scelta una base operativa. Infatti I giovani provenienti da varie parti del mondo hanno creato all’Ostello della gioventù, che si trova al complesso Vaccaro di Piano Acre, un punto di accoglienza. E’ un luogo di riferimento per le scolaresche in transito a Palazzolo durante i giorni della manifestazione. Inoltre stanno organizzando attività culturali e turistiche rivolte ai giovani, per promuovere il territorio e dare quindi la possibilità a migliaia di studenti di visitare il ricco patrimonio di beni culturali che possiede Palazzolo.

Giovani al Workcamp Di Palazzolo
Il gruppo di giovani che sta partecipando al workcamp Di Palazzolo

Il ruolo della Consulta nel workcamp

L’esperienza del workcamp nasce dalla volontà della nuova Consulta giovanile. Infatti ad organizzare tutto insieme all’associazione “Fare Palazzolo” sono Salvatore Pinnisi ed Elia Miano della Consulta. “Il nostro organismo – sottolinea Luca Valvo, presidente della Consulta – è diventato in breve tempo un punto di riferimento e di aggregazione. Ed è bello ritrovarsi tutti insieme in queste giornate di festival”. un ruolo fondamentale è quello dell’assessorato al Turismo. “Ospitare giovani e volontari -commenta l’assessore al turismo Maurizio Aiello – ci dà la possibilità di far conoscere il nostro territorio a ragazzi che porteranno in paesi lontani il ricordo della nostra bellezza”.  Ma è un momento di incontro e condivisione, aggiunge Aiello, con i nostri ragazzi che si ritrovano a Palazzolo, che diventa metà internazionale per tanti studenti e giovani di tutto il mondo.

La nuova Consulta

La Consulta giovanile nasce come un luogo per aggregare ma anche per formare la futura classe dirigente. Il gruppo è infatti composto da ragazzi che si vogliono impegnare per il paese. Come spesso ribadito è un organismo finalizzato a formare i futuri amministratori di Palazzolo e che tramite il lavoro giornaliero e costante per la comunità si innamorino del paese, per viverlo al cento per cento con passione e dedizione.

Federica Puglisi

Autore: Federica Puglisi

Giornalista professionista dal 2009, una laurea in lettere moderne e un master nel cassetto. Questa sono io: una passione profonda per la scrittura come per l’arte in tutte le sue sfaccettature. Collaboro da anni con varie testate giornalistiche locali e nazionali e amo raccontare dei luoghi e della gente. Mi occupo di comunicazione per enti pubblici e privati, ma sono poco incline alla “mania” dei social. Se potessi tornerei alla penna e alla carta, come si faceva un tempo.
Workcamp, volontari da tutto il mondo per il festival ultima modifica: 2019-05-29T09:00:24+02:00 da Federica Puglisi

Commenti

To Top