arte

Il balcone più lungo d’Europa e i suoi mascheroni

Mascheroni, Palazzolo Acreide

Lo stile barocco che domina a Palazzolo Acreide è famoso in tutto il mondo. La sua fama non deriva solo dal pregio delle sue decorazioni, ma anche dalle caratteristiche che gli artisti hanno voluto dare alle loro creazioni. Si tratta spesso di mascheroni dalla faccia buffa e denigratoria, che attirano l’attenzione con il loro sguardo beffardo. Ne è un esempio tipico il balcone più lungo d’Europa sito proprio in città, le cui foto hanno fatto il giro del mondo fra incredulità e curiosità.

Palazzo Caruso e il suo balcone

I Palazzi nobiliari di Palazzolo Acreide sono tutti splendidi e ricchi di storia e arte. Ma uno di loro ha una particolarità che lo ha reso celebre anche fuori dalla mura cittadine: Palazzo Caruso. Non è il consueto stile barocco ad attrarre su di sé l’attenzione quanto la lunghezza della sua balconata. Pare si tratti proprio del più lungo balcone dell’intera Europa! Di certo con questa sua nota unica contribuisce ad accrescere la bellezza della città e conferma la scelta di decretare Palazzolo come Patrimonio dell’Umanità Unesco.  Ma non è l’unica chicca interessante che ha fatto diventare il Palazzo Caruso meta di turisti in cerca di scatti memorabili. Proprio su via Garibaldi, alzando lo sguardo verso la lunga balconata, si notano i suoi eccentrici mascheroni.

Mascheroni, Palazzo Caruso

I bizzarri mascheroni che sorreggono la balconata di Palazzo Caruso

Queste tipiche decorazioni che sono un must qui in città sorreggono il balcone e lo fanno con espressioni così bizzarre e divertenti da sembrare quasi reali. Ma che significato hanno nella cultura locale e nel genio creativo di chi le ha realizzate?

I mascheroni dallo sguardo beffardo

Ben 27 mascheroni arricchiscono il balcone di Palazzo Caruso. Queste tipiche decorazioni non sono nuove se si fa una passeggiata lungo le vie di Palazzolo Acreide, anzi praticamente si ritrovano in ogni struttura come simbolo di un’arte barocca che qui raggiunge la sua massima espressione. Però questi mascheroni di Palazzo Caruso non hanno lo stesso sguardo degli altri, ma sembrano prendere in giro le persone che li osservano con curiosità. Le sculture scolpite in pietra sul balcone hanno qualcosa di bizzarro e custodiscono un significato allegorico. Sapevate che si chiamano anche cagnoli? Il termine vuol dire “Ragazzi poco raccomandabili”! Ecco perché guardando le loro espressioni del viso si ha la sensazione di essere presi di mira da scherno e risa.

Mascheroni, Palazzo Caruso

Le espressioni grottesche dei mascheroni di Palazzo Caruso

Facce disgustate che si alternano a quelle apparentemente denigratorie sembrano volere allontanare ogni intruso venuto a curiosare sotto il balcone. Proprio come i mitici gargoyle che proteggevano le case gotiche, così nel barocco si è dato vita a questo stile alternativo volto ad allontanare spiriti maligni e la sfortuna attraverso i cosiddetti mascheroni. Che poi incutevano una certa soggezione anche agli intrusi era un dato innegabile. Si tratta di una simbologia che da un lato arricchisce il palazzo e dall’altro gli assegna un compito, avvalendosi di figure grottesche che non possono che attirare l’attenzione e dare un messaggio. Palazzolo Acreide ne ha fatto un vanto: i mascheroni di Palazzo Caruso sono ormai celebrità e con il loro sguardo beffardo conquistano tanti scatti quanto tutti gli altri monumenti in città. Merito di un culto dell’immagine che dal barocco ad oggi ha mantenuto intatte le sue caratteristiche.

Cristina Fontanarosa

Autore: Cristina Fontanarosa

Laureata in materie umanistiche ha fatto della sua passione per la scrittura e il giornalismo un vero lavoro a cui si dedica a tempo pieno. Vive in Sicilia ma gira il mondo coi suoi pezzi che trattano di tutto e di tutti, con la voglia di scoprire sempre cose nuove e luoghi interessanti.

Il balcone più lungo d’Europa e i suoi mascheroni ultima modifica: 2019-02-04T11:32:38+00:00 da Cristina Fontanarosa

Commenti

To Top