curiositá

La gallina ripiena di riso nelle festività natalizie

Gallina Con Ripieno Di Riso

Natale si avvicina: cosa servire in tavola? La tradizione culinaria di Palazzolo Acreide vuole che le festività siano accolte con piatti tipici locali, come la gallina ripiena di riso. Insieme ad altre pietanze legate al passato, questa ricetta rappresenta un punto fermo per gli abitanti del luogo, che l’hanno tramandata di generazione in generazione e la preparano oggi come un tempo. Scopriamo come realizzarla rispettando fedelmente la tradizione.

A Natale, una tavola imbandita di ricche pietanze palazzolesi

In Sicilia, le usanze legate al Natale sono piuttosto sentite da ogni città. Oltre a suonare con passione la cornamusa e organizzare splendidi presepi viventi, si dedica una cura particolare anche alla tavola imbandita per tutti i commensali che si apprestano a festeggiare la festività coi propri cari. E tra questi piatti non può di certo mancare la gallina ripiena di riso, o “U pollo co cinu” o “iaddina cina”, come la chiamano nel dialetto locale a Palazzolo Acreide.

Gallina Ripiena

È proprio qui che nasce la ricetta originaria, che ancora oggi in molte famiglie si ripropone sia a Natale che nel cenone di Capodanno. Come si può intuire dal suo ingrediente base, la gallina, questo secondo piatto siciliano ha origini molto umili. Le famiglie contadine di un tempo non sempre avevano a disposizione polli da cucinare e così utilizzavano anche le galline, che invece erano destinate a fare le uova. Gusto e tradizione trovano il perfetto accordo in questa ricetta antica, che oggi è parte integrante di un ricco buffet natalizio.

La ricetta della gallina ripiena di riso

Una gallina e il riso sono di certo gli ingredienti essenziali per realizzare “u pollo co cinu”. Ma servono anche salsiccia e trito di maiale, insieme a uova, pecorino, prezzemolo, formaggio fresco, cipolle e pomodori per arricchire l’impasto. Dopo aver procurato tutto l’occorrente si può procedere con la preparazione. Mentre si cucina il riso in acqua bollente, si può guadagnare tempo disossando la gallina, eliminando tutte le interiora. Attenzione: non devono assolutamente essere buttate perché sono un altro ingrediente importante del piatto. Devono, invece, essere soffritte con la cipolla e poi unite a salsiccia, prezzemolo e tritato di maiale. Trascorsi una decina di minuti si può aggiungere anche il riso lesso e le uova, sia sbattute che sode, il formaggio, sale e pepe.

Riso Lesso

Il ripieno è pronto e non resta altro che riempire la gallina e poi richiuderla per benino con uno spago. Si può cucinare sia in brodo che al forno, ma in entrambi i casi la cottura può variare da un’ora a 90 minuti. Servire la gallina ripiena di riso in tavola significa portare con sé sapori e odori della tradizione e il gusto saporito di un piatto che Palazzolo Acreide conserva gelosamente nella sua gastronomia tipica.

Cristina Fontanarosa

Autore: Cristina Fontanarosa

Laureata in materie umanistiche ha fatto della sua passione per la scrittura e il giornalismo un vero lavoro a cui si dedica a tempo pieno. Vive in Sicilia ma gira il mondo coi suoi pezzi che trattano di tutto e di tutti, con la voglia di scoprire sempre cose nuove e luoghi interessanti.

La gallina ripiena di riso nelle festività natalizie ultima modifica: 2018-12-08T11:34:09+02:00 da Cristina Fontanarosa

Commenti

To Top